Cos’è Industry 5.0?

Cos’è Industry 5.0?

di Alberto Cibocchi, Partner yourHR

 

È passato meno di un decennio da quando il discorso di Industry 4.0 è emerso per la prima volta nei circoli produttivi, ma i visionari stanno già prevedendo la prossima rivoluzione: Industry 5.0. Se l’attuale rivoluzione enfatizza la trasformazione delle fabbriche in strutture intelligenti abilitate a IoT che utilizzano l’elaborazione cognitiva e l’interconnessione tramite i server cloud, Industry 5.0 si concentrerà sul ritorno delle mani e delle menti umane nel contesto industriale.

 

Industry 5.0 è la rivoluzione in cui uomo e macchina si riconciliano e trovano il modo di lavorare insieme per migliorare i mezzi e l’efficienza della produzione.

In un certo senso, il concetto di Industry 4.0 potrebbe alleviare alcune delle apprensioni che alcuni produttori hanno espresso riguardo all’attuale rivoluzione. Vale a dire, che l’informatica cognitiva e il cyber-macchinario elimineranno il bisogno di mani umane e determineranno la perdita di milioni di posti di lavoro. Al contrario, l’Industria 5.0 potrebbe finire per ristrutturare le attività umane nel campo della produzione in modo da favorire i lavoratori. Gli esseri umani potrebbero gestire il lavoro più leggero mentre le macchine si prendono cura dei lavori più faticosi.

I maggiori progressi previsti da Industry 5.0 riguardano l’interazione tra intelligenza umana e calcolo cognitivo. Ci si aspetta che l’interazione tra macchinari, Iot e persone porti la produzione a nuovi livelli di velocità e perfezione. La quinta rivoluzione potrebbe anche rivelarsi più vantaggiosa per l’ambiente, dal momento che le aziende sviluppano sistemi che funzionano con energia rinnovabile ed eliminano gli sprechi.

Nel complesso, gli sviluppi di Industry 5.0 potrebbero rivelarsi la piena realizzazione di ciò che gli architetti di Industry 4.0 avevano solo sognato all’alba degli anni 2010. Man mano che l’intelligenza artificiale migliora e i robot di fabbrica assumono più capacità umane, l’interazione tra computer, robot e lavoratori  alla fine diventerà più significativa e mutuamente illuminante.

 

Industria 4.0 Oggi, Industria 5.0 Domani

Man mano che le innovazioni tecnologiche diventano sempre più rapide, le rivoluzioni potrebbero alla fine susseguirsi in rapida successione nei prossimi 10 anni. Mentre le prime tre rivoluzioni industriali hanno richiesto decenni, le rivoluzioni odierne durano solo fino a quando l’implementazione a livello industriale si completa.

Indipendentemente da quanto velocemente o lentamente alcune aziende implementino il modello Industry 4.0, i principi determineranno senza dubbio il mondo produttivo del futuro. Con l’aumento delle aziende, alcuni vedranno una crescita esponenziale grazie alle capacità fornite dai dispositivi IoT, dai sistemi informatici e dal calcolo cognitivo. Tra qualche anno, lavoratori e robot di fabbrica potrebbero finire per collaborare alla progettazione e alla condivisione dei carichi di lavoro attraverso una varietà di processi produttivi.

 

I vantaggi di una forza lavoro collaborativa uomo e macchina

 

  1. Possibilità di personalizzare, aggiungendo l’elemento umano creativo.
    Mentre i robot sono eccellenti per la produzione di prodotti standard in processi standardizzati in un volume di produzione elevato, la personalizzazione di ogni singolo prodotto può rappresentare una sfida in cui i robot necessitano di una guida. Quindi, è fondamentale mantenere il contatto umano all’interno dei processi di produzione.

    Nei processi di produzione, l’automazione può essere sfruttata al massimo potenziale solo quando c’è una scintilla di creatività umana che influenza i processi. Di per sé, una produzione automatizzata con robot industriali tradizionali farà solo quello che viene detto – spesso solo dopo lunghi e faticosi sforzi di programmazione. I robot collaborativi o “cobots“, tuttavia, funzionano in sincronia con le persone. In questa situazione, l’uomo e la macchina si completano a vicenda, poiché l’essere umano può essere responsabile della personalizzazione, mentre il robot elabora il prodotto o lo prepara per l’attenzione umana. In questo modo, il lavoratore viene potenziato e utilizza cobot come strumento multifunzionale, come un cacciavite, un dispositivo di imballaggio etc.

 

  1. Creazione di lavoro
    Una relazione, sulle lacune nelle competenze, di Deloitte suggerisce che nel prossimo decennio ci saranno 3,4 milioni di posti di lavoro con solo 1,4 milioni di lavoratori qualificati per occuparli. I robot sono perfettamente compatibili con molti di questi ruoli e in particolare i cobots possono lavorare fianco a fianco con i lavoratori. I cobots sono utili perché possono assumere mansioni banali, ripetitive e pericolose mentre i lavoratori si spostano in posizioni di valore elevato.

    La più grande minaccia alla sicurezza del lavoro è il fallimento di un’azienda a rimanere competitiva. L’automazione offre alle aziende un vantaggio competitivo attraverso una qualità del prodotto più elevata e più coerente, una maggiore produzione e minori costi complessivi. Nel solo settore alimentare, i robot dovrebbero creare 70.000-90.000 posti di lavoro in tutto il mondo tra il 2017 e il 2020.

    Cobots rispetto ad altri robot industriali può aumentare le opportunità di lavoro all’interno delle imprese in quanto possono aumentare la produttività e incoraggiare skillset aggiornati. Piuttosto che sostituire le loro controparti umane, questi dispositivi lavorano a fianco delle persone nelle attività di produzione e di elaborazione. Inoltre, poiché i produttori mirano ad aumentare le produzioni e sviluppare nuove linee di prodotti, i cobots possono aiutarli a moltiplicare la loro forza lavoro e a trasferire i dipendenti da posizioni monotone a ruoli con maggiore soddisfazione sul lavoro e compensazione.

 

  1. Migliori ruoli per i lavoratori umani
    Il cobot non è progettato per sostituire la forza lavoro umana, ma per svolgere compiti faticosi o addirittura pericolosi. Di conseguenza, i dipendenti possono utilizzare la loro creatività per rivolgersi a progetti più complessi. Ad esempio, quando i robot assumono compiti di assemblaggio minori, i dipendenti possono passare a compiti più complessi che richiedono l’ingegno umano.

    Indubbiamente, la forza lavoro connessa e collaborativa presenta grandi opportunità per aumentare la produttività e l’innovazione della produzione. Presenta inoltre la prospettiva di migliorare la sicurezza e la soddisfazione sul posto di lavoro, consentendo allo stesso tempo ruoli più interessanti per i lavoratori  e stimolando la crescita dell’occupazione stessa.

 

Infine, man mano che i processi produttivi si evolvono per diventare più intelligenti e connessi, i concorrenti meno agili, troppo lenti per adattarsi, resteranno indietro. Gli imprenditori devono rendersi conto che le fabbriche collaborative offrono non solo il potenziale per migliorare l’efficienza operativa e altri benefici precedentemente menzionati, ma anche il potenziale per ridurre l’aumento del costo del lavoro in mercati sempre più competitivi.

  • On 16 Giugno 2020
  • 0 Comments
  • 1 likes
Tags: Industry 5.0

0 Comments

Leave Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *